Eccoci al secondo capitolo delle bufale riguardanti il coronavirus, fake news coronavirus parte 2

Dopo esserci lasciati alle spalle il buon Putin in versione Rafiki del Re Leone, andiamo a smentire altre notizie acchiappaclick che sono uscite in queste giorni.

Cina, 21 Milioni di utenti spariti nel nulla, più morti di quelli ufficiali?

“I dati ufficiali dei morti per coronavirus in Cina mentono? Il mistero dei 21 milioni di cellulari spenti negli ultimi 3 mesi solleva nuovi dubbi sul vero bilancio delle vittime.” [1]

In Cina è presente un fenomeno chiamato Water Army, cioè un gruppo di “Scrittori Fantasmi”, pagati per pubblicare commenti online sia poter cambiare l’opinione pubblica, sia per pubblicizzare attività commerciali. Con la paralisi del paese, queste utenze fantasme sono diventate inutili, e quindi sono state cancellate.

Perciò possiamo stare tranquilli, nessun insabbiamento di milioni di cadaveri.

Gli immigrati sono immuni al coronavirus

Coronavirus, immigrati non si ammalano perché vaccinati contro la Tbc? Burioni: «E’ l’ultima bufala» [2]

Per giorni è circolata con insistenza, sui social e nelle catene di messaggi su Whatsapp, la notizia dell’immunità degli extracomunitari. 

Sappiamo che possiedono particolari “Doti” migliori di noi, ma come ci conferma il professore e virologo Roberto Burioni con un twit, questa notizia si tratta solamente di una bufala. La spiegazione più verosimile è che gli immigrati che risiedono in Italia sono per lo più giovani e in forze, per questo meno attaccabili dal virus.

Ub | Dragonball Wiki | Fandom

La Birra pericolosa

L’assurdo caso della birra Corona: il marchio colpito dal Coronavirus.

Era solo uno scherzo. L’ennesimo tentativo della Rete di prendersi un po’ in giro. Ora, invece, si sta trasformando in un problema vero. L’associazione fra il Coronavirus e la birra Corona, che sui social network ha dato sfogo all’inventiva simpatica di migliaia di utenti, sta avendo ricadute concrete (quindi economiche) sul marchio. Con tanto di perdite sui listini, alla borsa di New York. [3]

Questo spezzone di articolo del Sole 24 ORE si commenta da solo. Crediamo nella vostra intelligenza, e nella vostra voglia di informarvi su una notizia prima di cambiare il vostro pensiero! 

Militari Cinesi autorizzati nel sparare a vista chi esce di casa!

China, Mongolia kick off joint anti-terrorism training

Nelle scorse settimane era girato un audio nel quale un italiano bloccato a Hefei, dichiarava che i militari cinesi avevano avuto l’autorizzazione per sparare a vista. Ovviamente si tratta di una notizia falsa, frutto di sole fantasie e utile magari per prendere spunti per la creazione di American Sniper cinese (se non è già stato fatto). [4]

Conclusioni

Le fake news sul coronavirus sono ormai all’ordine del giorno. Il nostro consiglio è quello di non fermarsi mai alla prima fonte e di mettere in dubbio ogni articolo che possa suscitare ilarità e rabbia nelle persone.

Utilizzate a pieno il Web e i servizi efficienti come Bufale.net, sito internet che da tempo si impegna ad analizzare e smentire le fake news in Italia.

Riferimenti

Coronavirus: Bugie, FAKE NEWS e falsi Miti – parte 1

  1. money.it
  2. ilgazzettino.it
  3. ilsole24ore
  4. open.online